lunedì 7 marzo 2011

Sei lontano da me...

Dalla finestra della locanda ho visto aggirarsi una donna stretta al suo cappotto. Aveva i capelli scarmigliati per via del vento freddo e sferzante e un volto pallido attraversato da un turbamento visibile perfino da lontano. La donna ha proseguito il suo cammino e io l'ho vista scomparire dietro i cespugli di erica.
Dopo un po' qualcuno ha bussato alla porta e io l'ho invitato ad entrare: era proprio lei. Con un sorriso timido ha accettato di scaldarsi accanto al fuoco. E' rimasta lì per qualche minuto, poi ha preso qualcosa dalla tasca e mi ha detto:
"Tenga! La mia anima sta urlando e devo farla tacere. Ne faccia quello che crede".
Poi, così com'è arrivata, è scomparsa da me e dalla brughiera.
Questo è tutto ciò che mi resta di lei:
Sei lontano da me...
Calma, pace, quiete, non chiedo altro.
Il frastuono che ho dentro ha il peso dei pensieri e dei ricordi;
delle parole non dette e di quelle pronunciate.
Ha il sorriso di occhi neri come il fondo di un pozzo,
ha il profilo di una montagna scolpita nel cuore,
ha il colore del cuoio e il profumo del mare.
Lacrime, di dolore, solo di dolore, per la paura, per la voglia di averti,
per il desiderio di un bacio, per il battito del cuore che lascia senza respiro.
Sei passato e in un attimo hai sconvolto tutto,
hai lasciato dentro di me tutto l'amore di cui avevo bisogno.
E in punta dei piedi te ne sei andato...

20 commenti:

Gabe ha detto...

quella donna è sempre vicino ma a volte non possiamo vederla...ciao!

Sonia Ognibene ha detto...

Quella donna è reale, ma spero che il suo cuore e la sua testa ritrovino la pace.
Ciao Gabe.

cosimo ha detto...

M e r a v i g l i o s a m e n t e
S U B L I M E!!!!
Un sorriso....

Sonia Ognibene ha detto...

Spero che la misteriosa donna legga il tuo commento.
Un abbraccio, Cosimo.

Simo ha detto...

sono certa che anche la donna misteriosa porterà dentro se il piacevole incontro
buona settimana!

Anonimo ha detto...

quanto mi sento vicina a questa donna...è triste quando c'è una comunione di anima e di mente, che tutto vada nell'oblio, e non si lascia spazio neanche ad una corrispondenza...il cuore però lancia segnali ad ogni istante, senza farti più vivere la stessa vita...

Adriano Maini ha detto...

Un raro unicum di intenso passionale lirismo.

Sonia Ognibene ha detto...

Per Simo: credo che questa donna sia stata felice che abbia dato voce all'esplosione della sua anima che non poteva più tacere. Ciao carissima.

Per Anonimo: sì, è molto triste, ma a volte l'esplosione dell'amore che deflagra nella nostra anima può essere unilaterale o ricambiato solo da una debole fiammella.
Un abbraccio forte.

Grazie mille, Adriano, anche se non è merito mio. A volte la vita ci riserva incontri inaspettati e suggestivi.
Buona serata.

*Maristella* ha detto...

Buonasera cara Sonia...devo ammettere che ieri sera, ascoltando il forte vento che entrava dal mio camino, ho avuto la sensazione anch'io di vedere questa donna..
Un caro saluto, *Maristella*.

Sonia Ognibene ha detto...

Forse ci sono molte donne tormentate dall'amore...
Un caro saluto a te, cara Maristella.

Maraptica ha detto...

Solo l'amore può ridurre così un cuore, la stessa capacità amplificata che ha di farlo scoppiare di gioia.

Sonia Ognibene ha detto...

Proprio così, Maraptica, proprio così...

happy runner ha detto...

“ A volte la vita ci riserva incontri inaspettati e suggestivi “.
Capita, durante il corso delle stagioni, di uscire correndo in brughiera e annotare come una stessa particella d’acqua, depositandosi sull’erica, prenda nomi diversi.
Oggi è brina, domani sarà rugiada, pioggia minuta o temporale estivo, nebbia autunnale, fiocco di neve.
L’anima e il cuore sono praterie senza confini, gioia e dolore si depositano in ogni stagione e talvolta hanno occhi neri come il fondo di un pozzo.
Di molti sguardi non rimane traccia, ma ve ne sono che tracciano un sentiero perenne nella brughiera della memoria.
Baci, piccola grande Sonia.

Sonia Ognibene ha detto...

Happy Runner, sei davvero un poeta. Il tuo passaggio sfiora l'erica della brughiera con delicatezza sublime.
Ti ringrazio della "piccola grande Sonia", piccola di sicuro (e non per età anagrafica) grande non lo so, ma mi conforta che tu lo dica.

Anonimo ha detto...

Ogni incontro può essere un microcosmo a sè, non si sa mai cosa colpirà l'immaginazione e cosa verrà ricordato.
Oggi può essere una donna che vaga nella brughiera, domani chissà.
Ogni giorno è un miracolo, ogni incontro un dono.
Ciao
Lucilla

Sonia Ognibene ha detto...

Un miracolo e un dono per cui ringraziare Dio infinite volte... grazie per qwueste parole, carissima Lucilla!

TuristadiMestiere ha detto...

se n'è andato in punta di piedi ma dietro quella porta ha lasciato un'anima straziata...

Sonia Ognibene ha detto...

Sì, Turista di Mestiere, mi è sembrata davvero un'anima straziata... speriamo ritorni a sorridere presto!
Buona giornata!

Strega Bugiarda ha detto...

Mi piace venirti a trovare... ho anche girato un po.. letto recensioni complimenti per tutto, e grazie per la tua visita
Un sorriso dalla streghetta stregolata

Sonia Ognibene ha detto...

Grazie, Streghetta mia, e grazie a te per il tuo post.
Quando vuoi, io sono sempre qui ad accoglierti!
:-)