lunedì 30 maggio 2011

Di "cardilli" e piacevoli incontri

Alcuni giorni fa ho messo un lungo vestito bianco e ho cominciato a vagare per la brughiera. Cercavo rifugio dal sole e mi sono sdraiata a ridosso di un cespuglio di erica. E’ passato il signor R. e mi ha detto:
- Sono felice di incontrarla, credevo fosse partita per un lungo viaggio.
- Non fisicamente- gli ho risposto -ma ne ho percorso uno altrettanto lungo intorno a me.
- E ha trovato qualcosa di interessante?
- Nulla è più insondabile e incomprensibile del cuore di un essere umano, quindi sommamente interessante!
Il signor R. mi ha fissato negli occhi e mi ha porto un libro che portava con sé: “Il cardillo addolorato” di Anna Maria Ortese.
- Tenga, mi farebbe molto piacere se lo leggesse. Credo che lei saprebbe apprezzarne la prosa... e non solo.
Ho ringraziato il signor R., stupita del suo dono e, quando si è allontanato lungo il sentiero, ho cominciato a gustarne parole ed atmosfere… e la brughiera si è dissolta.

18 commenti:

Luigi ha detto...

da oggi comincerò a frequentare anch'io le brughiere allora!!!
Buona settimana Sonia

Un tocco di Rosa ha detto...

Bello... molto bello questo tuo racconto. Il libro che ti ha donato il signor R. deve essere abbastanza interessante e rilassante se ha fatto si che la brughiera si dissolvesse. Se vosse una cosa da prenotare al Bar o al ristorante, guardando te, e poi l`oste direi... Io prendo la stessa! :)

Bacioni

Elio ha detto...

Sono contento di essere il primo a lasciarti un commento. Permetti che ti faccia i miei complimenti per il testo che accompagna molto bene la tua bella foto.
Non penso che potrò trovare il libro qui in Francia e lo cercherò la prima volta che tornerò nella mia Venezia. Buona serata.

happy runner ha detto...

Strane figure di principi, scultori e commercianti si aggirano per la brughiera, insieme a Folletti disperati e Streghe sentimentali.
Anche leggiadre figure vestite di bianco si possono incontrare e un solitario Runner, lungo i sentieri bordati dall’erica selvaggia.
Leggerezza e mistero, luce e tenebre si alternano come il giorno e la notte.
Laggiù, nel cuore della brughiera e nel silenzio che si fa attesa del nuovo giorno, ognuno porge ascolto al misterioso canto del Cardillo addolorato.
Bacio Sonia :-)

Sonia Ognibene ha detto...

Caro Luigi, allora io attenderò nella brughiera!
Buona settimana :-)

Sonia Ognibene ha detto...

Carissima Tocco di Rosa, il libro ha una prosa classicheggiante, lontanissima dai libri "mordi e fuggi" che siamo abituati a leggere. Una vera scoperta per me.
Sarò sempre grata al signor R. per tale squisito dono.
Ti abbraccio forte, mia cara.

Sonia Ognibene ha detto...

Grazie Elio, sei gentilissimo! Mi fa piacere che il mio post ti abbia incuriosito e spero che tu possa tornare presto nella tua splendida città.

Sonia Ognibene ha detto...

Il mio poeta è tornato, il caro Happy Runner è tornato a deliziare la brughiera con la sua armonia!
Grazie!
Che lo spirito dispensatore di saggezza e serenità si posi su di te, percorrendo i tuoi sentieri!
Un abbraccio.

Massimo Caccia ha detto...

Un viaggio dentro se stessi. la brughiera, l'antica intricata selva da percorrere. poi un dono...
belle immagini e sensazioni.

Elio ha detto...

Sonia, vedo che non sono stato proprio il primo. Avevi altri post in attesa, ma non importa sono contento di averti lasciato un commento. Purtroppo non so quando potrò tornare a Venezia. Speravo di farlo in luglio, ma ho fatto una brutta caduta in bici da corsa. Niente di rotto, ma ne avrò per qualche mese di cure. A presto.

Simo ha detto...

Delicate queste tue parole perchè ci hanno fatto capire che la vita ci riserva piacevole sorprese ma a volte non le sappiamo cogliere
Buona giornata

Sonia Ognibene ha detto...

Grazie Massimo e benvenuto nella mia locanda! Vedo che anche tu scrivi... bene, passerò spesso a trovarti!
Buona giornata!

Sonia Ognibene ha detto...

Mi dispiace, Elio, per la caduta!
Rimettiti presto. Un abbraccio.
:-)

Sonia Ognibene ha detto...

Cara Simo, che bello rileggere un tuo commento! Ebbene sì, la vita ci riserva tante piccole grandi sorprese, ma dobbiamo essere attente a coglierle, ad apprezzarle.
Tu, come stai? Ti abbraccio forte.

Gabe ha detto...

che bella foto e che piacevole incontro,ciao Sonia,buona giornata

Sonia Ognibene ha detto...

Un piacevolissimo incontro.
Ciao, carissima Gabe, ti auguro una radiosa giornata!

Giovanni Silvio Celentano ha detto...

Bellissimo!!! Sembra che tu quelle sensazioni le abbia vissute veramente...sono estasiato! Ho deciso di seguirti e mi piacerebbe che tu visitassi il mio blog e, se ti piace, che tu ricambiassi il following :-)) Continua così...

Sonia Ognibene ha detto...

Ciao Giovanni, benvenuto nella mia locanda e grazie per i complimenti!
In effetti quelle sensazioni io le ho vissute davvero, la cornice è solo leggermente romanzata, ma ciò che mi accade è reale!
A prestissimo, allora!